Lidt om Ortes historie

Lidt om alt i Orte

IN ENGLISH:
Google Translate Beta Logo

Orte - oversættelse er under udarbejdelse...
I centrum af Tiberdalen, beliggende på en tuf-klippe ligger Orte, omgivet i nord og øst af floden Tiber og mod syd af dens biflod Rio Paranza.
Det historiske centrum er en kompakt elliptisk plan, som er tilpasset bjergets form: Husene er indcorpereret direkte på kanten af klippevæggene, og mange steder liogger husene over underjordiske gange, der gennemborer klippen under de gamle huse gravet ud i tufstenen.
Grund af sin beliggenhed på grænsen Tiberdalen krydser vejen fra Viterbo floden ved porten til Umbria, og Orteer et vigtigt jernbaneknudepunkt med 5 spor i alle retninger. Jernbanen blev bygget i nyere tid midt i Orte Scalo, i dalen 4 km. neden for Orte.

Stemma Comunale

 
DATA OM BYEN ORTE
Region Lazio
Provins Viterbo
Befolkning:
Istat 2001 Befolkning: 7.767 heraf Mænd: 3.720 - Kvinder: 4.047 (Istat 2001)
Befolkningstæthed pr, km2:
Folkeregistret 2006 8.364
Befolkningstæthed pr, km2: 119.2
Højde 134 m over havets overflade
Codici
Postnummer 01028
Fornumre telefon. 0761


DEN MØRKERE TEKST ER EN FORELØBIG GOOGLE-OVERSÆTTELSE:

Un po' di storia ortana
Conosciuta dai più come nodo ferroviario e stradale, Orte riserva sempre una gradita sorpresa al turista che si allontana (di poco) dagli itinerari più comuni. Essa offre, anche al visitatore frettoloso, un centro storico ricco di memoria, che rivela ancora i lustri del passato e che conserva una notevole quantità di opere d'arte, in una cornice verde e suggestiva quale la media valle del Tevere, poco corrotta nonostante l'intenso pulsare di vita. Tutto questo non si trova ad Orte per caso. Una storia millenaria ha prodotto e custodito gelosamente un tale patrimonio.

Lidt om Orters historie
Kendt af de fleste som et jernbaneknudepunkt og vej Orte altid en kærkommen overraskelse for turisten, der afviger (lidt) fra de mest almindelige ruter. Det har også travlt med at den besøgende, er en gammel by fuld af hukommelse, som stadig afslører glansmetalpræparater af fortiden og fastholde en betydelig mængde af kunstgenstande, i en grøn og charmerende som gennemsnittet af de Tiber-dalen, en lille korrupt trods den intense puls af liv. Alt dette er ikke på Orte-by-case basis. Et tusind år lange historie har produceret og et nidkært vogtes disse aktiver.

Gli Etruschi l'hanno abitata dal VI secolo, lasciando nelle necropoli corredi ora conservati nei Musei Vaticani.Virgilio canta nell'Eneide l'intervento delle hortinae classes (flotte o eserciti ortani) contro Enea. Roma, che ha qui, nelle due battaglie del lago Vadimone (309 e 283 a. C.) lo scontro decisivo con gli Etruschi, la eleva a municipio agli inizi del I secolo a. C. Il territorio è disseminato di ville e fattorie, che beneficiano del transito per Orte della Via Amerina (sotto l'Arco di Porticata) e dell'importante porto fluviale del Castellum Amerinum (Seripola), potenziato in età agustea. L'affermarsi del Cristianesimo, con l'elevazione a sede vescovile agli inizi del VII secolo, e l'aggiunta di fortificazioni ad opera dei Bizantini, sono alcuni dei segni che si colgono, nell'Alto Medioevo, della crescita di Orte in ambito tiberino. Dopo essere stata a lungo contesa dai Longobardi, per assicurarsi il controllo delle strade principali di collegamento tra Roma e Ravenna, conosce un ulteriore sviluppo nella metà del IX secolo, con la fondazione di una seconda cattedrale (poi S. Maria Assunta) ed il potenziamento delle mura.

Etruskerne har beboet området siden det sjette århundrede f.kr. forlader necropolis corredi timer konserveret i museer Vaticani.Virgilio synger nell'Eneide handling fra hortinae klasser (flåder og hære Ortano) mod Aeneas. Rom, der er her, i de to kampe i Lake Vadimone (309 og 283 f.Kr.) den afgørende kamp mod Etruskerne, City Hall står ved begyndelsen af det første århundrede e.kr. Det område er punkteret med villaer og gårde, der nyder godt af transit af Orte Amerina Street (under Arc de Portici) og den vigtige flod havn Castellum Amerinum (Seripola), øget alder agustea. Fremkomsten af kristendommen, med elevation til et bispedømme i begyndelsen af syvende århundrede, og tilføjelsen af befæstningen af Byzantines, er nogle af de tegn, der er bedst, i middelalderen, væksten i Orte Tiberino . Har længe været bestridt af Lombards, for at sikre kontrol med de vigtigste veje forbinder Rom og Ravenna, oplevet en yderligere udvikling i midten af det niende århundrede, med grundlæggelsen af en anden katedral (senere S. Maria Assunta) og styrkelse af byens mure.

 

Occupata dagli Arabi e riconquistata nel 914, intensifica nel X ed XI secolo il proprio controllo sul fiume, contendendone il primato ad Amelia, a Narni e all'abbazia di Farfa. Qui comincia il periodo più florido della città, che accresce la sua superficie con lo sviluppo di borghi suburbani ed ingloba intorno al 1150 il ponte sul fiume. Nel 1330 conta 5.000 abitanti, rispetto a Roma che ne ha 35.000 mentre Siena, Pisa e Lucca si fermano a 20.000. I secoli che vanno fino al XV, non a caso, sono quelli che ci hanno lasciato il maggior numero di opere d'arte. L'accentramento del potere pontificio, le lotte interne, le epidemie ne hanno ridotto nei secoli successivi l'estensione, con l'abbandono dei borghi, e affievolito le risorse; situazione aggravata dal crollo del ponte sul Tevere nel 1524 e dalla costruzione, alla fine del ‘500, di un nuovo ponte lungo la Via Flaminia (Ponte Felice) che ha privilegiato quest'ultimo percorso. La recessione economica tra i secoli XVI e XVIII ha portato con sé l'aumento del latifondo e della pastorizia e l'incremento dell'arte della lana, con l'ascesa sociale di alcune famiglie, che hanno lasciato importanti palazzi nel centro storico.

Besat af araberne og genvandt de 914, X og forstærker i det ellevte århundrede, dens kontrol over floden, anfægter lederskab i Amelia, og til Abbey i Narni Farfa. Her begynder de mest blomstrende by, der øger dens overflade med udviklingen af forstæder byer og omfatter omkring 1150, broen over floden. I 1330 har 5.000 indbyggere, i forhold til Rom, som har 35.000 mens Siena, Pisa og Lucca stop på 20.000. I alderen lige op til den femtende, ikke overraskende, er dem, der har forladt os så mange kunstværker. Den centralisering af pavelig magt, de interne stridigheder, epidemier har reduceret i de følgende århundreder udvidelse i forladte landsbyer og svækket ressourcer, er situationen forværret af sammenbruddet af broen over Tiber River i 1524 og opførelse, udgangen of'500, en ny bro langs Via Flaminia (Ponte Felice) som foretrak sidstnævnte rute. Den økonomiske afmatning af det sekstende og attende århundrede ført til stigningen i antallet af store boligbebyggelser og kvægnomader og stigningen af uld, med den voksende sociale nogle familier, der har forladt vigtige bygninger i det historiske centrum.

 

Immagine di Orte



Ciò nonostante Orte è rimasta una delle città principali del Patrimonio di San Pietro in Tuscia, già nel ‘600 sede di Governatorato per un territorio esteso quanto quello Diocesano. La costruzione della ferrovia pontificia, nel 1864, ha dato inizio alla ripresa, con quella funzione che avevano svolto in precedenza il Tevere e la Via Amerina. È sorta così una borgata intorno alla stazione ferroviaria che ha svolto un ruolo sempre crescente nel contesto territoriale, nonostante le grandi distruzioni del 2° conflitto mondiale e lo stesso capoluogo si è nuovamente esteso, quasi a rioccupare gli spazi della massima espansione medioevale. In tempi più recenti l'Autostrada del Sole e la superstrada Civitavecchia-Orte-Cesena le hanno restituito, accrescendolo, quel ruolo di crocevia privilegiato che già un tempo si era così ben identificato con la città.

 
Alligevel Orte forblevet en af de største byer i Heritage San Pietro i Tuscia allerede i the'600 Governorate for et område, der udvides med Diocesano. Opførelsen af den jernbanevirksomhed paven, i 1864, begyndte at inddrive, med den funktion, som tidligere havde spillet i Tiber og Via Amerina. Dette har ført til en lille by omkring stationen, der har spillet en stadig større rolle i den lokale sammenhæng, på trods af den store ødelæggelse af 2. verdenskrig og den kapital blev igen forlænget, som om at reoccupy de områder med de største middelalderlige ekspansion. I nyere gange Autostrada del Sole og superstrada Civitavecchia-Orte-Cesena er vendt tilbage, stigende, rolle privilegeret korsvej daværende tidspunkt allerede havde en velidentificerede med byen.
 
Orte Scalo

Chiesa di Sant'Antonio in Orte ScaloLa costruzione della ferrovia pontificia nel 1864 ha dato il via allo sviluppo di questa zona nata intorno alla stazione ferroviaria.

La chiesa dei SS. Giuseppe e Marco è stata costruita negli anni ’30-’40 del 1900. In stile neogotico, l’edificio è simbolo della ricostruzione di Orte Scalo dopo la distruzione materiale e morale della seconda guerra mondiale.

Nel 2005, il Presidente della Repubblica conferisce alla città di Orte la medaglia di bronzo al valor civile riconoscendo il tributo di vite umane pagato dalla nostra comunità in seguito al bombardamento di Orte scalo il 29 agosto 1943.

Per informazioni, notizie e curiosità su Orte Scalo vi invitiamo a visitare il sito  
http://digilander.libero.it/carlaparis/
 

 

Centro della Valle del Tevere, situato su di un'alta rupe tufacea, circondata a Nord ed a Est da un'ansa del fiume Tevere, e a Sud dal solco del suo affluente torrente Rio Paranza.
L'abitato centro storico ha una struttura compatta a pianta ellittica, adattata alla forma del colle: le case periferiche si impiantano direttamente sul ciglio delle pareti a picco che appaiono perforate a varie altezze da antiche abitazioni scavate nella roccia tufacea. Per la sua posizione all'incrocio delle strade che risalgono la valle del Tevere con la strada trasversale proveniente da Viterbo, che qui varca il fiume inoltrandosi nell'Umbria, Orte può essere considerato un importante nodo stradale e ferroviario dell'Italia centrale. In corrispondenza dello scalo ferroviario, si è formato in epoca più recente il centro di Orte Scalo.

 

L'insediamento umano nella zona di Orte risale all'età paleolitica; ciò è provato da alcuni oggetti di pietra, asce e punte di freccia, conservati nel Museo Pigorini di Roma. L'origine di Orte resta comunque una questione quanto controversa, come l'etimologia del suo nome. Reperti presenti nei musei Etrusco-Gregoriano e Vaticano, rinvenuti in necropoli ora scomparse ed in quella tuttora esistente di Civita deserta (oggi Villa Pinciana, sul colle San Bernardino), attestano che Orte fu etrusca. Dal primitivo insediamento in Civita deserta, gli Etruschi trasferirono la loro dimora sul colle tufaceo ove ancora oggi la città è ubicata. La zona etrusca, fra il monte Cimino e il Tevere, fu più volte luogo di scontri tra Etruschi e Romani. Ma fu nelle battaglie del 310 e del 283 a.C., combattute presso il lago Vadimone (situato nella zona di San Michele), che i romani distrussero gli Etruschi. Nel periodo romano Orte si svegliò a nuova vita. Creata municipio, fu lasciata libera di autogovernarsi ma senza diritto di votare le leggi. Nel periodo agusteo furono edificate molte opere pubbliche.

Fu costruito un ponte sul Tevere a cinque archi con tre torri e spallette merlate in sostituzione del preesistente ponte in legno dell'epoca di Pompeo Magno. Era era comunemente chiamato Ponte di Augusto ma fu costruito sicuramente in epoca anteriore a quella Augustea, come testimonia Cicerone nell'orazione PRO SEXTO ROSCIO AMERINO " ( 82 a.C.). Il ponte tuttora raffigurato nello stemma cittadino di cui non rimangono che tre monchi piloni finché fu in piedi (1524) conferì ad Orte grande importanza perché per esso passava la Via Amerina che congiungeva Roma all'Umbria. Per soddisfare le esigenze idriche della città si costruì un acquedotto di nove archi, il quale riuniva la massa tufacea di Orte e quella della Bastia. Furono scavate inoltre ampie grotte nel vivo della rupe per adibirle a necropoli, lungo le cui pareti, ancora oggi, si possono vedere dei colombari.
Nel II ° secolo dopo Cristo furono scelti tre siti fuori della città come sepolcreti; in uno di questi sono state rinvenute tombe con corredi funebri.Per la sua posizione strategica, Orte fu occupata dai Goti, dai Bizantini e dai Longobardi. Nell'VIII° secolo entrò a far parte del Patrimonio di San Pietro in Tuscia, staccatasi dal primitivo corpo della Tuscia Bizantina e Longobarda. Nel 739 fu sottratta alla Chiesa da Liutprando, che la restituì a Papa Zaccaria nel 742, insieme con le città di Amelia e Bomarzo. Durante il periodo bizantino furono costruite le mura e le porte della città restaurate poi da Leone IV° (847 - 855). Nel secolo XIII° sostenne Bonifacio VIII° contro i Colonna, ma nel 1375 si ribellò alla chiesa. Nel secolo XV° si arrese a Ladislao, Re di Napoli, dopodiché Orte ritornò definitivamente alla Chiesa, salvo il periodo dell'occupazione francese, durante la Rivoluzione del 1789

 

 

La città non ebbe feudatari ma si resse a Comune con podestà, nobili e popolo. Nel 1200 fu compilato il primo statuto rinnovato nel 1395 e confermato successivamente nei papi Nicola V°, Sisto V°, Innocenzo VIII°. Nel corso dei secoli ai piedi del masso tufaceo sul quale è posta la città sorsero i borghi di San Giacomo, san Leonardo e Santo Stefano protetti da mura, che furono abbandonati e ridotti a colture, a causa delle invasioni barbariche e delle lotte civili. Per accogliere gli abitanti entro le mura della città, che occupava già tutta la superficie del masso la Comunità fu costretta a sopraelevare al massimo le case già esistenti, e a rafforzarle con i tipici archetti, posti a cavallo fra le strade.
Nel territorio ortano, in antico molto più vasto, sorsero, numerosi castelli appartenenti a nobili casate, e di cui restano visibili tracce.(Bassano ; Palazzolo , San Masseo )
Nel XIII° e XIV° secolo Orte ebbe una notevole attività artistico intellettuale, tanto che poteva vantare una università. Si svilupparono le istituzioni ospedaliere e assistenziali, che oltre ad avere carattere religioso ebbero grande rilevanza economica.
Le lotte fra Guelfi e Ghibellini, che raggiunsero il massimo furore nel secolo X° contribuirono a conferire al governo un sempre più marcato carattere di democraticità . Nel corso del tempo il podestà fu coadiuvato da altri magistrati, finché al capo del consiglio venne posto uno dei suoi membri, astratto a sorte ogni quindici giorni.
La città era divisa in sette contrade che prendevano quasi tutte il nome del santo titolare della chiesa più importante esistente nella contrada stessa . Faceva eccezione l'ottava contrada , denominata Capo Castello, perché in essa era ubicata la Rocca di difesa della città .
Vi alloggiavano, all'inizio del XIII° secolo, i Signori eletti dai pontefici fra i nobili che godevano della loro simpatia. Non si sa esattamente come questi Signori esercitassero il loro dominio, ma è certo che mentre alcuni lasciavano una certa autonomia al Comune, altri inferivano con spiccata tirannia contro il popolo. Fra questi ultimi primeggiava Antonio Colonna, eletto dallo Zio Martino V. Alla morte del Papa (1431) Antonio fu cacciato a furor di popolo, e la Rocca rasa al suolo, perché nessun tiranno vi potesse mai più alloggiare. Sulle sue rovine, verso la fine del XVI° secolo, fu costruito dagli Alberti un palazzo divenuto poi, di proprietà dei conti Manni. Anche se Orte conserva ancora intatta la caratteristica planimetria della città medioevale, accentrata attorno alla piazza maggiore, ove sboccano le vie principali, il fitto tessuto degli edifici più antichi fu parzialmente ricostruito, lungo i secoli XVI° - XVIII°, con le nuove tipologie a palazzo, di cui ne sono esempio vari edifici, ubicati nella piazza centrale e nelle vie principali.
 

LE CHIESE

Basilica Cattedrale di Santa Maria Assunta
L'antica Basilica Cattedrale di Santa Maria Assunta, era il monumento più grandioso della Citta fatta dice il Leoncini, alla forma di San Pietro in Roma, modellata cioè sull'antica Basilica Costantiniana. Vi si accedeva per una scalinata che partiva dalla Piazza, saliva al quadriportico, infine, al portale d'ingresso. La parte centrale della facciata era ornata ai lati da due colonne di marmo finissimo, e in alto, era stata posta la figura della Vergine Maria con il Suo Figlio in braccio. Quando la vecchia Cattedrale fu demolita per lasciare il posto alla nuova, l'immagine della Vergine, dipinta su marmo, fu collocata sul muro esterno del Palazzo Vescovile dove ancora oggi si trova. Questa Cattedrale, testimone della vita religiosa e civile nei secoli più antichi, rimase in vita fino al 1700. Era un gioiello architettonico ricco all'interno di stupende statuine in marmo di Gesù Risorto, di San Giovanni Battista, di San Lorenzo Martire, dei Santi Pietro e Paolo ora conservate nel Museo Diocesano. Purtroppo però, le ormai accresciute esigenze della Città, le crepe causate dal tempo, parte di fondo della navata centrale rimasta scoperta, richiedevano restauri costosi che importavano ingenti spese, ma non risolvevano definitivamente il problema. Dopo lunghe e sofferte discussioni, dopo aver perfino tentato di restaurarla, fu presa la decisione di costruirne una nuova. La nuova Cattedrale ampia, organica, solenne, dalla cupola solenne slanciata fu aperta al culto e consacrata dal vescovo Giovanni Francesco Tenderini il 9 novembre 1721, sotto il pontificato di Innocenzo XIII. Il coro in noce, con venti scanni, di semplice fattura, fu eseguito nel 1721 su disegno di Padre Girolamo da Me stretta, cappuccino a cui sono dovuti anche i disegni dei coretti e delle mostre degli organi. La balaustra in marmo, che recinge l'abside dell'altare maggiore, fu dono del cardinale Ferdinando Nuzzi, di nobile famiglia ortana.
La facciata, come si presenta oggi, fu iniziata nel 1898 e inaugurata il primo settembre 1901.

San Pietro
L’antica chiesa di San Pietro era addossata alla Rocca che, per questo, si diceva "Rocca di San Pietro". Nel 1431 anche la chiesa ebbe la stessa sorte della Rocca, cosìcchè fu necessario ricostruirla nel luogo ove oggi si trova. La zona nella quale fu fabricata con il ricavato della vendita di un pezzo di terra di proprietà della chiesa stessa, apparteneva alla contrada Porcini, ma a partire da un atto notarile del 12 novembre 1426 si comiciò a chiamarla contrada di San Pietro. La nuova chiesa risale dunque, alla prima metà del secolo XV. I successivi restauri dei secoli XVII e XVIII, le diedero l’attuale configurazione.

San Biagio
La chiesa all’origine era romanica, e si può dire, nata con la contrada. Un atto notarile del 2 febbraio 1291 attesta che la chiesa era collegiata e aveva il suo priore e alcuni canonici. Essa aveva il pavimento a mosaico ed era circondata da giardino, torre e chiostro. Nel 1352 la chiesa e le case che la circondavano furono date in Commenda all’Ospedale romano di Santo Spirito in Saxia il quale vi fece una Precettoria, cioè una specie di collegio o scuola per l’assistenza agli infermi e ai bambini abbandonati.
Nel 1613 l’Ordine di Santo Spirito chiuse la Precettoria e affidò la chiesa di San Biagio con i suoi beni alla Congregazione dell’Annunziata, con le condizioni che venisse collocata sopra il portale di ingresso la doppia croce di Lorena, stemma del proprio ospedale ed in alto, sopra l’altare, la Colomba raggiante, simbolo dello Spirito Santo.
Nel 1754 un furioso incendio distrusse completamente la chiesa: solo le mura perimetrali rimasero intatte. La chiesa fu ricostruita nel 1757 "alla moderna", leggera ed elegante, ad una navata.
Dell’antica chiesa romanica è visibile ancora il muro di destra e l’abside. Nel 1986 un altro incendio danneggiò gravemente la chiesa all’interno, subito restaurata però da un gruppo di giovani volontarie riaperta al culto nel 1988.  

Sant’ Angelo
Sant’Angelo si trova nell’attuale chiesa di San Francesco. La cripta, venuta alla luce nel 1981, ci indica che la chiesa era di stile romanico, con qualche accenno gotico. La cripta fu riempita di materiale riporto quando nel 1695 fu demolita la parte superiore della chiesa per costruirvi sopra l’attuale edificio barocco. Un’ultima trasformazione si ebbe agli inizi del secolo XIX, quando vi si trasferì la Compagnia della Misericordia e sull’altare Maggiore, al posto di S. Francesco fu collocato il seicencesco quadro della Madonna della Misericordia. Nella piazza di S. Francesco vi era anche un’altra chiesa dedicata ai Santi Maurizio e Marciano già attestata fin dal 1238, che si trovava dove ora è il giardino di Palazzo Manni ed era retta da un Consiglio di Canonici. Nel 1441 venne affidata ai frati francescani del vicino convento, i quali nel 1554 la concessero alla Misericordia e da quell’epoca il popolo comiciò a chiamarla chiesa della Misericordia. Nel 1816 era ancora in piedi; dell’antica chiesa è rimasto appena il muro di cinta dove, si possono vedere ancora alcuni resti delle antiche colonne.

Sant'Agostino
La chiesa di Sant’Agostino, costruita dai Frati Agostiniani tra la chiesa di Santa Croce e l’ex palazzo della Comunità, innalzando inoltre la Torretta di ingresso e trasformandola in campanile ,era già in funzione nel 1335. Ne risultò così un complesso sacro piuttosto strano, composto di tre ordini di edifici diversi e irregolari: la chiesa di Santa Croce, chiamata ufficialmente chiesa del Crocefisso, la Cappella di Santo Egidio, il cui culto era affidato alla medesima compagnia, è la chiesa di S. Agostino . Della chiesa di Sant’Agostino è notevole l’altare del Rosario, del 1571 la cui pala in legno con l’immagine della Madonna del Rosario, è opera del pittore Giorgio da Orte.
Particolare importanza rivestono il Crocifisso ligneo del 400 ,l'altare della Cappella di S.Egidio. opera dell'architetto ortano F. Veramici e le tavole della Vita di San Egidio , oggi costudite nel Museo Diocesano, che chiudevano la nicchia con la statua del Santo. 

San Gregorio
La contrada di San Gregorio fu certamente una di quelle che si formarono più in ritardo e con maggiore lentezza. Si trovava infatti a contatto con la fortezza militare e solo dopo il 1430, nella parte già Capo Castello, cominciò la lenta opera di trasformazione, che si concluse con l’attuale struttura topografica.
Quando la Rocca era ancora in piedi, da occidente si entrava in Città o con un ponte levatoio, o dalla Porta del Vascellaro. La contrada prendeva il nome dalla chiesa di San Gregorio costruita sulla rupe, poco fuori dalla Porta.
Nel 1479 la chiesa "cascò e ruinò", e fu costruita "dalli fondamenti", con il concorso di tutto il popolo. A questo tempo dovrebbero risalire la facciata tipici tratti quattrocenteschi e le splendide pitture interne, riscoperte in questi ultimi anni ( un San Gregorio, un San Sebastiano e una Madonna)che vengono attribuite ad artisti viterbesi. Ma il documento che più di ogni altro sta ad indicare l’antichità della prima chiesa di San Gregorio, è quella lastra di peperino ,databile al secolo IX, infissa in basso all’estremo lato destro della facciata. Essa fu collocata in quel luogo perché doveva appartenere al materiale della vecchia costruzione e, come tale, risaliva al periodo direttamente collegato con la presenza dei Longobardi nella nostra Città.

San Silvestro
La chiesa di San Silvestro, oggi trasformata in Museo Diocesano d'Arte Sacra, fa parte della contrada di San Biagio, ed è l'edificio più antico e venerando della Città. Infatti, una iscrizione incisa sulla targa di piombo che ricopriva le reliquie dell'altare maggiore della chiesa, riportata dal Leoncini, portava la data 1141 .
Le strutture originarie dell'edificio furono snaturate da orribili manomissioni nel secolo XVII; uno spesso strato di calce aveva ricoperto la facciata , perfino il campanile era sparito, soffocato dalle costruzioni addossate sulla parete di sinistra della chiesa.
Nel primo decennio del '600 fu demolita la parte più caratteristica della chiesa, cioè il portichetto , sotto il quale gli inviati del papa venivano a raccogliere le decime dovute alla Santa Sede . L'unica cosa buona che venne fuori da tutta questa opera di rinnovamento fu la piazzetta antistante, ricavata dallo spazio lasciato libero dal portichetto. Nel 1614, in mezzo alla piazza lastricata, fu innalzata, sopra un basamento, una delle colonne della chiesa Cattedrale, sormontata da una croce: la piazza d'allora divenne Piazza Colonna.
Il monumento fu poi del tutto rifatto nel 1717, a spese del cardinale ortano Ferdinando Nuzzi, con un nuovo basamento e una colonna più maestosa e ornata di capitello, proveniente dalla demolita Cattedrale romanica.
Adiacente la Chiesa, troviamo il Campanile di San Silvestro, opera di maestranze certamente diverse, posteriore alla costruzione della chiesa. La sua erezione può essere assegnata con quasi assoluta certezza alla seconda metà del secolo XII.
Il campanile, del consueto tipo romano laziale a torre quadrata con bifore a pilastrini e trifiore a colonnine e archetti a doppio profilo trova numerosi riscontri a Roma e anche nella vicina Civita Castellana.
I lavori di restauro, iniziati nel 1955 e durati oltre sette anni, hanno riportato il complesso dell'edificio alla sua forma primitiva, che permette di apprezzare nel modo migliore la nuova sistemazione.

I PALAZZI

La Rocca e il Palazzo Alberti 
Dell'antica Rocca non sono arrivate a noi altro che i sotterranei sotto il palazzo Alberti e l'ampio piazzale su cui erano disposti gli alloggiamenti e le opere di difesa. Essa sarebbe stata costruita dal marchese Pietro, fratello di papa Giovanni X (914 - 928), quando fu costretto da una rivolta a fuggire da Roma. Si rifugiò ad Orte perché la Città, posta su una rupe scoscesa da tutte le parti, meglio si prestava ad esser difesa .In un periodo successivo vi si erano stanziati gruppi di Ungari, chiamati in Italia da Berengario I, i quali da lì, partivano per azioni di saccheggio e di vendetta. Per gli ortani la Rocca era diventata sin d'allora il simbolo della tirannia e essi non esitarono a distruggerla, quando gli Ungari abbandonarono definitivamente l’Italia.
La Rocca venne poi ricostruita per iniziativa del cardinale Egidio Albornoz, inviato dal pontefice a restaurare il potere pontificio negli stati della chiesa,.
Essa appariva una piazzaforte impressionante per forza e robustezza, di grande ampiezza, con fossati da una parte e dall'altra . Dopo la conclusione dello Scisma d'Occidente, Martino V, dei principi Colonna, nel 1417 assegnò al suo nipote Antonio Colonna la Rocca di Orte, dalla quale si poteva controllare il ponte sul Tevere Banda di prepotenti, compì uccisioni e devastazioni in Città e nel territorio. Alla morte del Papa, nel novembre del 1431, la rabbia cittadina esplose furiosamente. E la Rocca che era stata il baluardo di tante sue nefandezze, venne definitivamente distrutta e spianata.
Alla fine del '500, una parte del terreno dove era il bastione fu acquistato dai signori Alberti, una famiglia trapiantata ad Orte da Arezzo, Tra il 1598 e il 1602 essi vi costruirono il primo dei cinque splendidi palazzi che lasciarono in Orte. Quello della Rocca si ispira' nel suo complesso, a linee classicheggianti, ma se ne discosta per una certa asimmetria della facciata, che preannuncia la nascita di un nuovo gusto artistico. Il palazzo, a detta del Leoncini, era stato costruito in due tempi: ma parte fu fabbricata nell'anno 1596, mentre l'altra, verso la Città, nell'anno 1602, non sappiamo se in base a un unico progetto.

Palazzo Comunale
Il Palazzo Comunale, che appartiene alla contrada San Giovenale, si affaccia sulla Piazza di Santa Maria, il cuore della Città, in cui sfociano, provenienti dalle sette contrade, le sette strade Sull'antica facciata si possono ammirare tre stemmi: sopra la vecchia porta d'ingresso lo stemma del Comune, formato dal ponte a cinque arcate sormontato dalle Chiavi Pontificie . Secondo libro gli statuti della Città di Orte, per piazza doveva intendersi lo spazio compreso entro le catene, poste tutte attorno, sulle strade che sfociano in essa. A sinistra della piazza cominciavano i portici popolati di botteghe, sorretti da colonne robuste ed eleganti, sormontate capitelli romanici. Sulla destra non c'era ancora il palazzo dell'Orologio, e lo spazio fino alla Fontana Grande era occupato dalla chiesa e dal campanile di San Giovanni in Fonte ,l'antico Battistero degli ortani,in stile romanico ricco di memorie storiche e artistiche L' antica testa di leone in marmo, ora collocata all'angolo della Piazza, sopra la Cassa di Risparmio apparteneva a tale chiesa , demolita nel 1602 per il problema dell'ampiamento della piazza e della Fontana.

Fontana Grande
La chiesa di San Giovanni in Fonte era collegata con la Fontana Grande ed era Sede dell'antica Confraternita dei Raccomandati .
Negli Statuti del 1584 si comminava la pena di 10 libre per colui che avesse deviato o dirottato l'acqua della fontana sita in piazza del Comune e si imponeva che l'acqua proveniente dall'acquedotto doveva essere attinta solo nella fontana di piazza oppure nella fontana di San Gregorio o nella cisterna dei frati minori a San Bernardino. Si puniva con 40 soldi di multa chiunque avesse sporcato o vi avesse gettato immondizia.

Cunicoli
Durante i lavori di consolidamento della rupe su cui Orte sorge, è stata casualmente individuata una rete di cunicoli scavati nel tufo ed estesa in vari settori della città. Il complesso sotterraneo dei cunicoli è costituito da un condotto principale da cui dipartono una serie di diramazioni laterali, molte delle quali attualmente ostruiti o murati. La maggior parte di essi appartiene al tipo scavato nella roccia, con sezione ogivale o a tutto sesto, mentre il cunicolo sotto via Matteotti è stato realizzato utilizzando una tecnica più elaborata. Sulla rupe di Orte sono state individuate tre cisterne ipogee direttamente collegate alla rete dei cunicoli. Lungo il fronte meridionale della rupe, una scala scavata nella roccia semi-nascosta dalla fitta vegetazione immette ad un ninfeo rinascimentale con colonne, archi e fontane scavati nella roccia; questo ambiente è posto in comunicazione con lì condotto principale attraverso un cunicolo che conduce alla fontana di piazza della Libertà. Esiste un progetto che prevede di rendere fruibile parte del condotto principale ed il Ninfeo attraverso un programma di visite guidate periodiche; questo progetto presuppone chiaramente delle operazioni di bonifica e pulitura delle condotte, il ripristino del sistema di vasche del Ninfeo e la realizzazione di un impianto di illuminazione.

Seripola
Nel corso dei lavori di costruzione dell'Autostrada del Sole nei primi anni sessanta, a ridosso di una collinetta che nel periodo medievale prese il nome di Seripola (Sub ripola) furono ritrovati i resti di un porto romano sul Tevere.
Seripola è una località che si estende sulla riva sinistra del fiume Tevere, per oltre cinquecento metri, limitrofa alla piana di Lucignano. Nei secoli V-VI e seguenti a.C. il porto di Seripola era un centro intenso di traffici commerciali, in quanto il Tevere era l'unica via naturale di comunicazione verso Roma e da Roma verso l'interno.
L'Hortanum, doveva considerarsi l'estremo limite navigabile con le imbarcazioni di una certa portata. Questo centro viene identificato con " Castellum Amerinum " dove probabilmente la Via Amerina attraversava il tevere Le dimensioni delle strutture portuali stanno a dimostrare l'importanza del sito , ove ancora oggi si possono ammirare le tracce di abitazioni, di botteghe, delle terme. Pregevoli sono pure i pavimenti, a mosaico, un sistema attrezzato di rete fognaria, pozzo profondo circa trenta metri
La perdita di importanza del porto di Seripola coincide con la costruzione delle vie consolari, in particolare della via Amerina, che permetteva il trasporto delle merci col minor tempo.
La costruzione del così detto Ponte di Augusto sul Tevere (di cui oggi si scorgono appena i resti del Tevere) sancisce intorno al II secolo a.C. la decadenza del porto fluviale.
Il rinvenimento del sito dà un'indiretta conferma di quanto sostenuto da autorevoli storici e linguisti secondo i quali Virgilio nel Canto VII dell'Eneide nominando le "Hotinae Classes" corse in aiuto a Turno contro Enea, si riferisce a valorosi soldati ortani e all'esistenza di una potente flotta fluviale.Visita previo contatto con la Pro Loco

Ponte di Augusto
Costruito intorno alla metà del XII secolo, può essere considerato uno dei primi ponti sul Tevere a Nord di Roma.
Fortificato con due torri alle estremità, fu assunto per la sua importanza a rappresentare lo stemma della città. E' crollato per una grande piena nel 1514 e nel 1524. I ruderi sono ancora visibili dal belvedere a lato di Palazzo Alberti alla Rocca.

I MUSEI

Museo Diocesano di Orte
Ha sede presso la chiesa romanica di S. Silvestro, in una piccola piazza. La scelta è apparsa la più opportuna e la più degna non solo per la bellezza dell'ambiente, ma anche l'edificio è situato nel centro dell'abitato.
Le opere conservate consistono in un nucleo non vasto, ma di assai notevoli qualità e interesse, per la maggior parte già in chiese locali scomparse, quali l'antico S. Giovanni in Fonte, il S. Lorenzo al Vescovado, la chiesa dei Raccomandati e la Cattedrale primitiva, del tutto trasformata nel tempo. Alcune scoperte provengono da chiese locali che, per il loro abbandono o scarsa custodia, non offrono più le indispensabili garanzie di sicurezza che la conservazione del materiale artistico richiede.
Di eccezionale importanza il prezioso frammento di mosaico con la figura della Madonna, uno dei pochi resti della decorazione dell 'Oratorio di Giovanni VII (705-707) in S. Pietro, di cui i rimanenti avanzi si trovano in luoghi tanto più famosi, quali S. Maria in Cosmedin, le Grotte Vaticane, S. Marco a Firenze, Mosca, Museo delle Arti figurative.
Fra le tavole raccolte, insieme S. Francesco risalente all'ultimo quarto del secolo XIII , la Madonna di Taddeo di Bartolo, opera assai importante che documenta la presenza di Siena e un gruppo di tavole di scuola umbro-laziale del secolo XV . Di notevole interesse il Polittico con le Storie di S. Egidio.
Primeggia la preziosa Croce reliquario di Vannuccio di Viva da Siena, cesellata e incisa con smalti traslucidi, firmata e datata 1352.

Tratto da:
Luisa Mortari - "Museo Diocesano di Orte" - 1994

Museo Civico
La storia ricca ed importante della città ha reso opportuna la scelta di realizzare un Museo Civico, allestito nei locali dell'ex Chiesa di San Antonio Abate ,edificio situato nel Centro storico .

La costruzione risale al XIV ° secolo ma è stata ristrutturata in stile Barocco. L'allestimento si propone di ripercorrere la storia di Orte e del suo territorio, dalla fase etrusca a quella romana e medioevale attraverso reperti in gran parte legati all'ambito funerario.
Visita previo contatto con la Pro Loco

Il Santuario delle Grazie  
Nella contrada detta di Schiachheta c'è il Santuario di Santa Maria delle Grazie è custodito amorevolmente fin dal 1958 dalla Comunità Monastica Benedettina , che già era presente ed operava nel territorio dal lontano 1500 testimoniando la propria fede di consacrazione nel cuore stesso della città di Orte.
Fu riconosciuta dall' Autorità Ecclesiastica , per tutta la cittadinanza ortana , quale punto di riferimento e di richiamo ai valori della fede cristiana. Durante gli anni 60' il Vescovo ha suggerito il trasferimento del Monastero Benedettino della Città di Orte al Santuario di S. Maria delle Grazie , perché fosse decorosamente custodito e amato da tutti i fedeli della Diocesi .
Le monache vivono con intensità , la spiritualità della Regola di San Benedetto.

San Bernardino
L'antica denominazione del luogo è CIVITA DESERTA, e secondo alcuni storici , qui si sarebbe insediata la prima comunità dei fondatori della città di Orte.
Il colle prende il nome da San Bernardino da Siena che quando venne a predicare nella città dimorò in una grotta ; testimonia la presenza di San Bernardino in questa zona un dipinto della Madonna donato alla città dall'autore Taddeo di Bartolo e ancora in alcuni testi si ritrova che la comunità organizzava solenni festeggiamenti in onore del Santo . Nel luogo venne poi edificato un convento di frati con annessa una chiesa . Oggi il convento è abbandonato e la chiesa viene aperta solo in rare solennità liturgiche.Nelle vicinanze del convento sorge la chiesetta della Trinità , del XV ° secolo scavata nella roccia .
Ristrutturata di recente nelle sue mura si possono ancora ammirare interessanti pitture del quattrocento.

Petignano
Tutto intorno al paese di Orte si estendono le contrade ( di campagna ) che conservano ancora l'antico nome , dedicate a Giano : Resano , Petignano , Molignano e quella di Lucignano .
Petignano è una zona della città al di là del fiume che anticamente poteva essere raggiunta attraversando il Tevere nei pressi del ponte di Augusto.
Nei tempi antichi qui sorgeva la chiesa di San Lorenzo che aveva il priore e i canonici , residenza della prima comunità di frati compagni di San Francesco di Assisi.
In questa chiesa visse predicando la pace e fu sepolto , il beato Teobaldo da Assisi . Al posto dell'antica chiesa distrutta nel 1478 , poi edificata una chiesetta di campagna oggi abbandonata .
Un luogo di culto è stato consacrato nell'Aprile 1994 nel centro del quartiere di Petignano , che a partire dagli anni ottanta ha avuto un notevole sviluppo edilizio. La prima settimana di agosto si tiene in questo quartiere la fiera Provinciale di Artigianato e Merci, giunta nel 1998 al XV ° edizione.

Lucignano - Lago Vadimone  
Secondo lo storico ortano Don Lando Leoncini la piana di Lucignano era anticamente disseminata di torri ; di alcune rimangono ancora oggi delle tracce come quella comunemente  detta di San Masseo , più propriamente Torre della Precettoria dei Cavalieri Gerosolimitani  ( cavalieri di Malta) che faceva parte dell'omonimo castello .Il castello più importante era  sicuramente quello di Bassano che un tempo era del comune di Orte.
Nella zona si trovava una sorgente di acqua sulfurea calda , utilizzata anche per bagni termali e ancora oggi li luogo è denominato " il Bagno". Intorno agli anni ' 70 per iniziativa privata è sorto un complesso denominato terme di Orte con una piscina che utilizza l'acqua sulfurea . Molte altre sorgenti di acqua dolce si trovavano in questa zona , vicino al fiume Tevere , e tra queste lo storico Lago Vadimone , reso famoso da una battaglia combattuta contro gli Etruschi da L. Papirio e ricordata da T. Livio . Anche Plinio il Giovane , lo descrive nella sua NATURALIS HISTORIA .
Il lago, ricorda Plinio, anche se di dimensioni ridotte presenta acque molto profonde calde e sulfuree come quelle del Bagno , con le quali potrebbero essere in collegamento.
Sempre secondo il leoncini il lago Vadimone era anche detto lago di Portiglione dal nome di un vicino Castello appartenente a nobili Ortani.

Casino degli Alberti
Residenza estiva terminata nel 1701 ; possiede una doppia scala esterna monumentale e alcuni affreschi che ritraggono i personaggi di spicco della famiglia.

Orte Scalo
A circa 4 km, in una vallata a sud est di Orte, a ridosso delle colline di ponente, si distende Orte Scalo, lambito per tutta la sua lunghezza dal biondo Tevere. E’ la frazione più grande, con quas 4000abitanti, circa la metà dell’intero comune. Sorge su un territorio anticamente chiamato Martevole, perché, secondo il Leoncini, o vi sgorgava una fonte dedicata a Marte, oppure qui era avvenuto un fatto d’armi. E’ sede di un’importante nodo ferroviario che collega Orte con Roma, Ancona, Firenze,e Viterbo. La ferrovia venne costruita dallo Stato Pontificio nel 1864 per collegare Roma con Orte.
Il 4 gennaio 1866, per la prima volta un treno attraversava la stazione ferroviaria di Orte. La maggior parte della popolazione è impiegata nelle F.S., ma bisogna dire che è un luogo per risiedervi data la vicinanza con Roma, a 38’ di treno e con Terni e Viterbo che distano solo 30 Km.
Il territorio di Orte Scalo è la continuazione storica di quello di Orte Centro perché da sempre vi ha fatto parte. Lasciandosi alle spalle il colle di San Bernardino, giunti nei pressi di Orte Scalo,su di una collina, si trova una vecchia torre rudere di un piccolo castello del ‘300, chiamata "torre di Cristo" perché apparteneva agli ospedali di Santa Croce e dei Raccomandati, che poi si sono fusi in Ospedali riuniti e che l’hanno posseduta fino a pochi anni orsono. Poco distante, a monte dell’attuale via Camerano come fa menzione lo storico locale Leoncini nella sua "Fabrica ortana,"si trovano i rresti di un altro piccolo castello, Castel Vecchio o Torre di Bofo-Sordolini, dal nome della famiglia che lo possedeva. La zona di pianura prospicente la stazione ferroviaria verso il Tevere, è detta Molignano a causa di una grande colonna "Moles-Jani" situata sulla riva del fiume. Qui si trova anche il porto-traghetto di Santa Lucia, detto volgarmente di Santa Lucida, uno dei quattro porti sul Tevere in territorio Ortano. La fonte Martevole era nei pressi. Seguendo l’itinerario collinare, sempre fiancheggiando il Tevere, si incontravano due chiese: quella di San Clemente, (detta di S. Chiomento) scomparsa da secoli e quella di S.Nicolao, distrutta dopo l’ultima guerra.
Qui si era stabilita la prima comunità dei frati di S. Francesco e vi risiedeva lo stesso Santo di Assisi durante la sua permanenza ad Orte. Nacque così , era l’anno 1209, il primo convento dell’Ordine appena fondato. La chiesa di S.Nicolao è stata finita di distruggere durante la II guerra Mondiale.
Il giorno 29 agosto 1943 un allarme aereo fece fuggire dall’abitato la popolazione (vi erano già state circa 60 incursioni) che si era rifugiata in gran parte nella collina di S. Nicolao, ritenuta sicura perché distante dalla stazione, ma la malignità della cattiva sorte aveva stabilito che gli aerei americani avessero sganciato il loro carico di morte e distruzione a casaccio andando a colpire proprio S. Nicolao e facendo una carneficina fra la gente inerme. La costruenda chiesa dei SS.Giuseppe e Marco, rimasta miracolosamente illesa, dovette accogliere i numerosi cadaveri disposti in lunghe file tra il pianto e la disperazione dei sopravvissuti. Orte S. non ha palazzi antichi da mostrare, solo rare case e la bella chiesa dei SS.Giuseppe e Marco, di stile gotigheggiante, che risalgono al periodo precedente la II guerra mondiale. Tutti gli altro edifici sono stati costruiti dopo il ’45. A confine con la zona di S. Nicolao inizia la zona di Baucca, (oggi divisa in Baucca alta e Baucca Bassa) che prende il nome dall’antico castello che vi si trovava. Attigendo notizie da "Fabrica Ortana" del Leoncini, la selva di Baucca (attuale macchia della Madonna, il cui nome completo sarebbe: Raccomandati della Madonna, confraternita di Orte, che ne erano propietari), aveva una grande estensione (260 rubbi, circa 460ettari) ed era attraversata da numerosi corsi d’acqua. La comunità ortana vi esercitava i suoi diritti, sia per il pascolo che per il legname. Gli alberi,dei grossissimi noci, furono utilizzati anche per la costruzione della rocca di Civita Castellana e di Nepi. Il castello di Baucca, di cui ancora esistono iruderi, fu elemento di contesa tra la chiesa e la Città di Orte, risolta poi a favore di quest’ultima.
Dopo varie controversie, il castello fu assalito e distrutto nel 1412 da Ladislao di Napoli e mai più ricostruito.
 

 

HOME.

SITEMAP.

Lej feriehus nær Rom - vil du vide mere.....  så ring  40 78 39 00  -eller email@lazio.dk

VALUTAOMREGNER    VEJFINDER    VEJRET    FLYBAGAGEREGLER    LEJ BIL    KALENDER    FORSIKRING


..TOP